Keith Haring

Piccola ma preziosa mostra dedicata all’artista newyorkese
Opere originali realizzate tra il 1987 e il 1989 per il Pop shop

Le opere di Keith Haring
Pisa, 18 settembre 2012 – Sei serigrafie firmate Keith Haring, direttamente dal Keith Haring Studio di New York a Palazzo Blu per ricordare l’artista pop americano, prematuramente scomparso nel 1990, e celebrare il restauro del murale Tuttomondo, l’ultima grande opera pubblica realizzata da Haring nell’estate del 1989.
La Fondazione Palazzo Blu organizza una piccola ma preziosa mostra in collaborazione con il Comune di Pisa e la Fondazione Keith Haring di New York, con il patrocinio del Presidente della Regione Toscana. In mostra saranno esposte sei opere originali di Haring , realizzate tra il 1987 e il 1989 per il Pop shop. Alcune foto e un video raccontano invece la storia del murale e del restauro appena terminato di questa eccezionale opera d’arte che occupa una parete di oltre centottanta metri quadrati nel centro della città di Pisa.

La presenza dell’artista in città nel giugno del 1989 suscitò la curiosità e l’interesse di giovani e anziani che accompagnarono l’esecuzione del murale in un clima di festa e crescente euforia. Una città conosciuta in tutto il mondo per le sue bellezze storico-artistiche medievali si scoprì d’un tratto attenta ed entusiasta di aprirsi a forme di espressione artistica gioiosamente contemporanee. Anche per Haring i giorni a Pisa costituirono un’esperienza memorabile, sia nel suo percorso artistico che in quello personale, come lui stesso riporta nei suoi diari. Insieme alla torre che lui ammirava dalla finestra della sua stanza, il murale è diventato una delle mete preferite dei turisti.
Il restauro ha riportato l’opera al centro dell’attenzione dei Pisani e ha offerto l’occasione per ripensare la piazzetta antistante e promuovere un intervento di valorizzazione nel senso di una migliore fruizione del murale, senza tradire l’idea di arte espressa da Haring e il messaggio universale di Tuttomondo. In questo contesto ben si colloca la scelta di intitolare la piazza a Haring, ultimo tributo di riconoscenza all’artista scomparso prematuramente e al dono che lui fece alla nostra città.
Per il Comune di Pisa la valorizzazione dell’opera di Haring va di pari passo con il cambiamento della zona dove il murale è esposto. La pedonalizzazione della “nuova” Piazza Vittorio Emanuele e il rifacimento completo di Corso Italia fanno da introduzione alla nuova piazzetta Haring dove sono in corso i lavori di risistemazione. A un passo della “nuova” Domus Mazziniana; il tutto si presenta come una Pisa nuova, fra il glorioso passato e le esigenze di una città moderna ed europea. Moderna e ospitale si vanta del Murale di Haring al pari delle sue bellezze dell’XI secolo e medievali.
Alla realizzazione della mostra hanno contribuito insieme alla Fondazione Palazzo Blu il Comune di Pisa e la Fondazione Keith Haring, la Commissione per il Monitoraggio e la Valorizzazione del Murale, la Caparol Italia, la Fondazione Pisa e la casa editrice ETS.
I testi dei pannelli sono di Sergio Cortesini e di Maria Perla Colombini; il video di Young TV, che si ringrazia per la gentile collaborazione. Si ringraziano inoltre l’American Academy di Roma e il Friends of Heritage Preservation (Usa).
Un sentimento di particolare riconoscenza va a Piergiorgio Castellani, che nell”89 convinse Haring a venire a Pisa: senza di lui probabilmente il murale non sarebbe mai nato.

Advertisements

4 thoughts on “Keith Haring

    1. ancora no!!!!
      ma ci vado ci vado..stavolta non mi ferma nessuno!!!
      Ora scappo perchè c’è in arrivo un temporale micidiale…tuoni e saette a gogò…maremma bufala ingrifata…. bacio e a domani….ciao anche alla lelyna….

      1. si si, stacca tutto (se ti parte il pc poi io vado in astinenza di Vento hahaha ) e fila a letto al calduccio…
        notte a tutte e due (te e la Sara)

        Lely

        PS: quanto torni dalla mostra un post di resoconto ce lo devi 😛

lascia il tuo profumo

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s