Io, te e la pioggia,


perché no?


perché si?

Parliamone, io e te.
Seduta su quella seria di ferro , la tua, ormai solita, sigaretta
e quei tre quattro scatti per immortalare
l’ennesima giornata che si affaccia.
Hai pensato” magari lo scrivo, perché no?
Già,  perché si?
Vai di nuovo ad aprire una scatola che hai messo in soffitta.
…e ora la stessa atmosfera…
giornata uggiosa, pioggia allegra, e ora di nuovo sottile sottile…

Mica te la sei data una risposta. Eh no.
Ti sei alzata.
Quel quaderno d’inglese è così bello e grande
che anche se impiastricci
qualche pagina, nessuno se ne accorge, ma te si.

Che fai? Scrivi?
Allora hai deciso per il si.
Forse.
Intanto ora esco a comprare le sigarette.

vento

Advertisements

11 thoughts on “Io, te e la pioggia,

  1. Piove in questa cupa domenica d’autunno.
    C’è silenzio nell’aria, non s’ode il canto dei passerotti, neppure le campane della chiesa.
    Piove e il cielo è di un grigio color dell’acciaio.
    Gli alberi sembrano uomini stanchi con quei rami che arrivano a terra.
    E foglie gialle che una ad una, umide, cadono sotto la pioggia.
    Faccio fatica a trattenere la pioggia nei miei occhi
    in questa cupa domenica d’autunno.
    Se solo sentissi il canto d’un passerotto
    questo torrente … lo lascerei andare.

  2. Parlavi tra te e te vero?? Per me si…. forse perché io lo faccio spesso e allora mi hai dato questa impressione

    Umm dovrò studiare l’inglese pure io, per capire quello che scrivi ai tuoi ammiratori stranieri….

    Però le sigarette non puoi proprio evitarle eh?? Birba…

lascia il tuo profumo

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s